Si stanno verificando interruzioni delle materie prime e aumento di prezzo anche nel settore delle materie plastiche. Questo è un grosso problema che sta toccando tutti noi.


Questa vicenda sottolinea la necessità per le aziende di sviluppare gli asset per rendere resiliente la propria catena di approvvigionamento. L’aumento di prezzo è una controindicazione che rischia di eliminare la marginalità su cui alcune aziende si fondano.

“Ovunque cerchi, la catena di approvvigionamento globale è un disastro”, si legge in un titolo recente sul Wall Street Journal . La maggior parte dei professionisti del settore sarebbe d’accordo: tra la pandemia, la carenza di container, il clima invernale, gli incendi delle fabbriche, il blocco del Canale di Suez da parte di una nave portacontainer e altri problemi logistici , le cose si sono complicate. L’aumento di prezzo e la difficoltà di approvigionamento mettono in difficoltà tutte le aziende del territorio nazionale.


Queste interruzioni hanno già portato all’attuale carenza globale di semiconduttori e ora si sta verificando l’interruzione della fornitura di un’altra categoria critica di materiali: la plastica.
I vincoli sulle forniture delle materie prime, in particolare polietilene (PE), polipropilene (PP) e monoetilene (MEG), stanno portando a chiusure di fabbrica momentanee, bruschi aumenti dei prezzi e ritardi nella produzione in una vasta gamma di settori.



La plastica prodotta da queste sostanze chimiche viene utilizzata in ogni tipo di prodotto immaginabile:
dagli imballaggi alimentari, agli elettrodomestici, agli smartphone e alle parti di automobili, alle attrezzature per esercizi e ai pattini a rotelle.
Combinando questo con l’aumento della domanda di beni da parte dei consumatori, è facile capire perché questi vincoli di offerta sono un grosso problema.


Come mai ci sono interruzioni nella fornitura della plastica?

Come la carenza di semiconduttori, anche questa è arrivata da molto tempo. Durante l’estate 2020, i blocchi relativi al Covid-19 hanno causato un calo dei livelli delle scorte. Poi, in agosto, l’uragano Laura ha costretto una serie di fabbriche petrolchimiche in Louisiana e Texas a chiudere ; Durante la notte dal 10% al 15% della produzione di PE e PP negli Stati Uniti si è fermata.
Questo è stato seguito da una serie di cause di forza maggiore da parte di grandi produttori di polimeri, tra cui LyondellBasell in Louisiana e Chevron Phillips Chemical in Texas. (Dichiarando la forza maggiore, questi fornitori sono stati sollevati da alcuni impegni di fornitura consegna a causa di circostanze al di fuori del loro controllo.) Allo stesso tempo, le precauzioni di sicurezza Covid-19 hanno rallentato la produzione in molti luoghi di lavoro e causato carenza di manodopera e autotrasporti nei porti.

Il colpo finale è stato la tempesta invernale che ha colpito la costa del Golfo . Il Texas ospita il più grande complesso petrolchimico del mondo, che trasforma petrolio, gas e altri sottoprodotti in plastica. Quasi 100 prodotti chimici e derivati ​​critici ampiamente utilizzati in prodotti e settori vengono lavorati in Texas. Ci vorranno più di sei mesi per correggere gli squilibri causati dalla tempesta. Dati questi problemi, il 23 marzo non sarebbe potuto accadere in un momento peggiore il blocco di una nave portacontainer nel Canale di Suez.

Previsione aumento di prezzo – Sviluppi Economia e Approvvigionamenti

È ampiamente previsto che si verifichino picchi della domanda negli Stati Uniti e in altri paesi, poiché i consumatori vaccinati riprenderanno il consumo tradizionale. Le aziende potrebbero non essere in grado di sfruttare appieno questa opportunità: i responsabili degli acquisti intervistati dall’Institute for Supply Management il mese scorso hanno anticipato un peggioramento degli squilibri tra domanda e offerta in una varietà di aree. Molte delle loro aziende devono già affrontare scorte esaurite, aumenti dei prezzi, tassi più elevati di spedizioni insolute e tempi di consegna più lunghi per gli ordini. Dal punto di vista privilegiato dell’approvvigionamento di esperti che gestiscono i fornitori, la prospettiva è cupa: si aspettano che le interruzioni durino per più di 12 mesi.


Abbonati al nostro canale di Youtube 


Non sai stampare con la stampante 3D? Guarda un corso molto lungo che parte dalle basi!


Fonte articolo: https://hbr.org/ – https://hbr.org/2021/03/the-latest-supply-chain-disruption-plastics – Fonte copertina: https://www.wallpaperflare.com/military-plastic-soldier-toy-lot-toy-soldier-action-war-green-wallpaper-wxzwc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.