I test eseguiti sul polimero HIPS sono stati eseguiti utilizzando il filamento Treed Filament e la Stampante 3D Delta 2040 Industrial X della WASP. Queste ricerche sono eseguite da Marco Ardesi in Fabula utilizzando Simplify 3D come Slicer. L’obiettivo delle ricerche è rilasciare dei parametri di massima da cui partire con qualsiasi stampante 3D. E’ possibile che con altre stampanti, sia necessario adattare parametri non perfettamente in linea con il macchinario usato da me. Parametri come la velocità e le temperature.


Come era usato HIPS?

Visto l’avvento di materiali bio, i packaging per alimentare o il packaging in generale stanno adottando materiali più eco-compatibili come il PLA evitando di usare polimeri come il PS per questo utilizzo.

Nell’industria alimentare il PS neutro veniva usato per produrre posate e piatti di plastica, involucri per le uova, barattoli per yogurt.

Come è usato oggi HIPS?

Il Polistirene neutro è oggi utilizzato per le molto note palette da caffè. Un polimero duro e secco molto fragile e complicato da stampare.

Il polistirene (PS) viene usato in molti settori applicativi per le sue proprietà meccaniche ed elettriche. Nell’industria manifatturiera viene impiegato ovunque serva una plastica rigida ed economica, come per i contenitori dei CD e DVD, porta targhe, modellini in plastica. La produzione può avvenire per termoformatura o stampaggio a iniezione.

Nei laboratori di ricerca e di analisi si fa largo uso di piastre di Petri, provette e micropiastre di polistirene.

Le lastre trasparenti vengono vendute per bricolage con il nome di vetro sintetico.

Inoltre viene utilizzato come materiale per la creazione di modelli al posto della cera nei processi di fonderia detti a microfusione (lost foam). Il vantaggio rispetto alla cera, che deve essere sciolta e fatta uscire dallo stampo, è che il polistirene, a contatto con il metallo fuso, sublima lasciando così la cavità vuota.


Come si usa il Polistirene nella Stampa 3D (HIPS)?

Il polistirene antiurto (o polistirene ad alto impatto o HIPS, dall’inglese High Impact PolyStyrene).

HIPS è un filamento in Polistirene ad alto impatto, facile da stampare e dalle diverse applicazioni. Conosciuto come “polistirolo” dai vecchi “plasticari”, è dal 2000 ad oggi conosciuto come Polistirene (PS) o Polistirene ad Alto Impatto (HI-PS).

Per migliorare le prestazioni meccaniche e la semplicità di stampa si è aggiunto un additivo “gommoso” che diminuisce la fragilità del polimero stampato.

Le caratteristiche principali di HIPS sono la leggerezza e la lavorabilità. Utile quindi per modellismo dinamico o per plastici e modelli architettonici.

Materiale economico che ricorda l’ABS a base stirenica. Il comparto industriale lo utilizza come polimero economico pe la produzione di componenti leggeri e non soggetti a usi e sforzi esagerati. Utile per posaggi o componenti di appoggio.

Come in passato il Polistirene viene usato dalle fonderie come elemento a perdere in fusione. A contatto con il metallo il materiale sublima.

Usi Alternativi

HIPS si scioglie nel limonene ed è impiegato anche come materiale di supporto.

Riciclo

Importante filiera del riciclo già attiva per il PS.

Essendo un materiale che è ormai da decenni sul mercato, rientra in una commodity che ha consolidato la filiera del riciclo. I prodotti quindi vengono reintrodotti nel mercato tramite aziende specializzate nella raccolta e nel trattamento dei polimeri scartati dal consumo.


Profili di Stampa

Altezza layer: 0.15mm

Pareti: 1

Riempimento: 100%

Stampa prima la parete esterna

Raft + Skirt: 2 Strati abbondanti + 2 Strati Top

Sovrapposizione del Riempimento alle Pareti: 20%

Flusso generale: 0.98 o 98%

Velocità di stampa 40mm/s o 2400 mm/m (massimo)

Temperatura: 240°

Temperatura Piano di Stampa: 100°

Camera Chiusa

Ventola Disattivata

Adesione alla Piattaforma: Dimafix


​E’ adatto per stampe molto dettagliate e che richiedono un’ottima finitura superficiale. Infatti più la particolare finitura estetica si traduce in una superficie molto liscia e dai colori opachi.

​HIPS è molto leggero e durevole e con una buona adesione tra i layer. Può essere post lavorato facilmente: incollato, carteggiato e verniciato.


SCARICA QUI IL PROFILO DI STAMPA per Ideamaker


Iscriviti ed abbonati al nostro canale

Acquista libri sulla stampa 3D


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *