Vai alla barra degli strumenti
Hotend composizione o schema

Come è fatta l’hotend o testina di stampa.

L’hot-end è la parte che scioglie il filamento e lo appoggia sul letto di stampa.  Deve essere molto caldo (220 ° C-280 ° C) ma non deve fondere il filamento troppo in alto per consentire un buon flusso di materiale proveniente dal motore passo-passo.

L’interruzione di calore avviene grazie al dissipatore di calore ed alla ventola frontale che toglie aria calda e raffredda il tubo che guida il filamento. In questo modo il filamento viene fuso solo nel blocco di calore attorno al Blocchetto Riscaldante. Come è fatta l’hotend o testina di stampa?



Non ha seguito i corsi fin dall’inizio?

Vai all’intera liste di corsi sulla stampa 3D – Basi per fare file di stampa 3D


Parti che compongono l’Hotend:

Raccordo Pneumatico che blocca un tubo PTFE – Ingresso Filamento

Dissipatore – Componente lamellare per disperdere meglio il calore.

Gola Filettata – Componente che collega il blocco riscaldante al dissipatore.

Blocco riscaldante – Parte metallica che si scalda

Termistore – Sonda per percepire la temperatura.

Ugello – Nozzle

la Ventola di raffreddamento non è rappresentata nello schema, ma vediamo cosa succede applicandola o non applicandola.


Ecco un vecchio tutorial in cui smonto e rimonto una testina di stampa (hotend)

Ecco perchè l’hotend si ottura:

Nella seconda immagine “senza ventola” possiamo osservare che la temperatura aumenta fino a 120-130 ° C sulla pelle del dissipatore di calore. Il PLA inizia a sciogliersi a circa 140-150 ° C ed è già molto morbido quando superiore a 100 ° C.

Poiché il filamento viene spinto attraverso l’estremità calda, potrebbe provocare un accumulo di calore nel filamento deformandolo anche verso l’alto. Nell’immagine “con ventola” vediamo come il calore viene aspirato e soffiato fuori lasciando la il dissipatore (parte alta) non troppo calda.


Vuoi seguire un corso gratis sulla stampa 3D?

Ecco il link per il piano formativo triennale.



Ecco un video trovato che riproduce il flusso che l’aria percorre grazie alla ventola di raffreddamento dell’Hotend.

La stampa 3D è influenzata dalla temperatura a cui viene estruso il materiale.

Temperatura alta o temperatura bassa: Cosa cambia?

Ecco cosa accade al pezzo quando il polimero viene estruso a temperatura più o meno alta dello standard indicato dal produttore di filamento.

TEMPERATURA BASSA = Maggior Estetica / Minor Meccanica

Se il materiale tende verso una temperatura “bassa”, gli strati saranno più lineari e privi di difetti, ma tenderanno a delaminare fra loro.

TEMPERATURA ALTA = Peggior Estetica / Maggiore Meccanica

Se la temperatura del materiale tende ad essere “alto”, gli strati saranno più saranno lucidi e con piccolissimi difetti in maggior evidenza, ma i layer legheranno bene fra loro.

Ecco come dovrebbe essere stabilizzata la temperatura dell’hotend mentre è in fase di stampa.

Come è fatta l'hotend o testina di stampa
Come è fatta l’hotend o testina di stampacome è fatto l’hotend e come funziona

Vuoi seguire un corso gratis sulla stampa 3D?

Ecco il link per il piano formativo triennale.


Per stampare una serie di oggetti o componenti in Stampa 3D FDM

Visita il nostro Centro Stampa 3D

2 pensiero su “Come è fatta la Testina di stampa? (Hot-end)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *